Come sostenere un colloquio in inglese di successo

Scritto da Paolo Fieni

Se ti sei candidato per una posizione dove è richiesto la conoscenza della lingua inglese, è probabile che dovrai sostenere un colloquio in inglese.

Il selezionatore potrebbe condurre l’intera intervista di lavoro in lingua inglese o fare uno switch, durante il colloquio, passando dalle domande in italiano a quelle in inglese.

L’obiettivo è quello di testare le tue conoscenze della lingua e la tua prontezza nel passare rapidamente da una lingua all’altra.

Durante un colloquio in inglese, dovrai mostrare al selezionatore che sei competente e a tuo agio nel presentarti e descrivere le tue competenze e abilità in lingua.

Come per tutte le tipologie di colloquio, anche per quello in inglese è necessario dedicare il giusto tempo alla preparazione. Dovrai rivedere alcune espressioni e formule utilizzate nel parlato e in situazioni formali, come appunto il colloquio di lavoro.

In questo articolo troverai i consigli per la preparazione, le domande in inglese, le migliori risposte da dare, le espressioni da utilizzare per convincere il selezionatore che sei il candidato giusto.

    PS: questo articolo fa parte della Guida gratuita al colloquio [2023]

    Indice

      Ma prima, chi sono...

      Sono Paolo Fieni, e da oltre 10 anni insegno ai candidati più ambiziosi come si scrivono CV che ottengono più colloqui, come si affrontano con successo i colloqui di lavoro, e come si fa carriera in modo etico e professionale.

      Se vuoi affrontare con sicurezza granitica ogni tipo di colloquio e di selezionatore, e vuoi smettere di essere penalizzato nonostante ti senta un buon candidato, ti consiglio di guardare subito il mio webinar gratuito in cui rivelo il metodo – che insegno da anni ai candidati più ambiziosi – per rispondere con successo a tutte le domande del colloquio e conquistare il selezionatore.

      Ho un approccio controverso alle HR, perché sono allergico a tutto ciò che non è concreto, pratico, utilizzabile. Quello che insegno non si basa su teorie, mode, argomenti di tendenza, ma sui risultati osservati.

      Sono abituato a lavorare con chi è determinato ad ottenere "di più" e non si piange addosso nei momenti bassi. Se non sei affamato e non pensi di valere, non contattarmi.

      Da sapere: Per capire come guadagnarti la fiducia del selezionatore e distinguerti dagli altri (senza renderti ridicolo, viscido o poco credibile) devi capire come funziona la sua mente. Partecipa ora al mio webinar gratuito sui 3 falsi miti sul colloquio che stanno compromettendo i tuoi colloqui. [clicca qui]


      Preparazione al colloquio in inglese

      Molti candidati credono sia impossibile prepararsi per un colloquio, soprattutto in inglese, dato che, a detta loro, non si può prevedere ciò che il selezionatore chiederà.

      La verità sta tutta nel contrario. Salvo in casi particolari, il selezionatore, durante il colloquio, segue una scaletta standard di domande, le sue linee guida principali.

      Ci sono infatti diverse domande ricorrenti in un colloquio di lavoro in inglese che puntano ad indagare gli aspetti più importanti del candidato da valutare.

      Aspetti che permettono al recruiter di capire se sarai in grado di inserirti bene in azienda, se i tuoi obiettivi di carriera sono in linea con la visione della compagnia e se sarai in grado di portare il giusto valore in azienda.

      Per prepararti a rispondere alle domande del selezionatore, segui questa traccia.

      Da sapere: Chi ha accesso a informazioni vere su come si affronta il colloquio, acquisisce un vantaggio “ingiusto" rispetto a tutti gli altri candidati. Partecipa ora al mio webinar gratuito sui 3 falsi miti sul colloquio che stanno compromettendo i tuoi colloqui. [clicca qui]


      1. Fai ricerche sull’azienda (in inglese)

      La prima cosa che dovrai fare, sarà condurre un’approfondita ricerca riguardo alla compagnia. Non devi limitarti a leggere il sito web dell’azienda, dovrai studiarne anche i profili social e cercare notizie sull’azienda per rimanere sempre aggiornato.

      Conduci la ricerca in inglese in modo da non avere la necessità di tradurre i contenuti una volta raccolti. Crea un elenco con i punti chiave sull’azienda che potrai menzionare durante il colloquio.

      Inoltre, puoi cercare i dipendenti che lavorano in azienda sui profili social; per questo, LinkedIn è un ottimo strumento da utilizzare. Potrai conoscere i tuoi potenziali colleghi o responsabili, vedrai il loro percorso professionale e potrai anche osservare se questi pubblicano aggiornamenti importanti sull’azienda.

      Da sapere: Sono pochi i candidati che capiscono che per ottenere risultati diversi nei colloqui, devono cambiare il modo in cui affrontano il selezionatore. Partecipa ora al mio webinar gratuito sui 3 falsi miti sul colloquio che stanno compromettendo i tuoi colloqui. [clicca qui]


      2. Fai un’analisi dell’annuncio di lavoro

      Un altro step fondamentale per la preparazione ad un colloquio in inglese è lo studio dell’annuncio. Non dovrai solo limitarti a leggere l’annuncio, dovrai evidenziare quali sono i requisiti fondamentali che l’azienda richiede, in modo, poi, da metterli in relazione con ciò che tu possiedi.

      Se l’annuncio è in inglese sottolinea le parole che vengono utilizzate per descrivere le caratteristiche del ruolo e del candidato ideale. Potrai usare le stesse parole per descriverti quando dovrai rispondere alle domande del selezionatore.

      3. Ripercorri il tuo percorso professionale

      Molti candidati sono convinti di ricordarsi senza problemi la loro storia professionale o non si aspettano che il recruiter faccia delle domande dettagliate riguardo alla loro esperienza. La conseguenza è che la maggior parte di essi, durante il colloquio, non ricorda informazioni importanti riguardo alle precedenti esperienze professionali.

      Prima di presentarti al colloquio di lavoro, dovrai ripercorrere il tuo percorso di lavoro e allenarti a descrivere in inglese ogni singola esperienza lavorativa che hai fatto. La tua descrizione dovrà essere dettagliata, perciò concentrati per ricordare elementi importanti dei tuoi precedenti lavori.

      Da sapere: L’essere bravo nel tuo lavoro, o l’essere una brava persona, non ti aiuteranno a superare la selezione. Partecipa ora al mio webinar gratuito sui 3 falsi miti sul colloquio che stanno compromettendo i tuoi colloqui. [clicca qui]


      4. Crea un match tra te e la posizione offerta

      Una volta che avrai raccolto informazioni sull’azienda, avrai analizzato l’annuncio di lavoro e le tue esperienze lavorative, ciò che dovrai fare sarà creare un match tra quello di cui la compagnia ha bisogno e quello che tu puoi offrire a questa.

      Dovrai mettere in relazione le parole chiave che hai evidenziato nell’annuncio e le informazioni importanti sull’azienda con le tue competenze, i tuoi obiettivi di carriera e le tue abilità.

      In questo modo potrai descrivere efficacemente le tue doti di fronte al selezionatore e convincerlo che sei un buon match per la compagnia.

      Da sapere: L’essere un buon candidato aumenta le tue probabilità di superare il colloquio? No. La verità è che il successo di un candidato non è determinato dalle sue esperienze, competenze o titoli. Partecipa ora al mio webinar gratuito sui 3 falsi miti sul colloquio che stanno compromettendo i tuoi colloqui. [clicca qui]


      5. Preparati a rispondere

      Qui di seguito troverai una lista delle domande più frequenti di un colloquio in inglese, insieme alle espressioni da utilizzare per rispondere in modo adeguato. Allenati a rispondere a voce alta per rendere le tue risposte efficaci e persuasive.

      Queste formule faranno capire al selezionatore che sai strutturare una frase in modo formale e completo e possiedi le giuste competenze della lingua.

      Da sapere: Quando un candidato meno meritevole di te supera il colloquio accade solo perché è stato più abile, furbo, scaltro o semplicemente “bravo” nell’incontro col selezionatore. Partecipa ora al mio webinar gratuito sui 3 falsi miti sul colloquio che stanno compromettendo i tuoi colloqui. [clicca qui]


      Le domande di un colloquio in inglese e come rispondere

      1. Tell me about yourself / Mi parli di lei

      Solitamente questa domanda viene fatta sempre ad inizio colloquio, è un modo per il selezionatore di rompere il ghiaccio e di avere una panoramica del tuo percorso professionale.

      Se parli di esperienze passate e terminate, e menzioni l’anno in cui le hai svolte, ricordati di utilizzare il past simple, “In 2017, I worked for a year in a company based in Milan”, se invece parli di esperienze in corso non ancora concluse puoi usare questa formula “I have been working as a Social Media Manager for 2 years”.

      Ricorda di dire anche che possiedi particolari qualifiche e certificazioni, se queste sono necessarie per la posizione offerta e tutte le esperienze più rilevanti.

      Da sapere: L’essere un buon candidato aumenta le tue probabilità di superare il colloquio? No. La verità è che il successo di un candidato non è determinato dalle sue esperienze, competenze o titoli. Partecipa ora al mio webinar gratuito sui 3 falsi miti sul colloquio che stanno compromettendo i tuoi colloqui. [clicca qui]


      2. Why do you want to work here? / Perché vuole lavorare qui

      Questa domanda è molto importante. Il selezionatore vuole capire dove risiede la tua motivazione: cosa ti ha spinto a candidarti per questa posizione e perché pensi che quell’azienda faccia al caso tuo.

      Qui, potrai far fruttare le tue ricerche sulla compagnia e lo studio dell’annuncio, per dimostrare al selezionatore che sei un candidato attento, preparato e motivato.

      Utilizza espressioni come: “I have read this company offers several opportunities for those who want to learn and grow in the field of…” o ancora “I have been a customer of this company for many years, I’ve seen the work ethic of the employees and I think I can fit pretty well with the corporate culture…”

      Da sapere: L’essere bravo nel tuo lavoro, o l’essere una brava persona, non ti aiuteranno a superare la selezione. Partecipa ora al mio webinar gratuito sui 3 falsi miti sul colloquio che stanno compromettendo i tuoi colloqui. [clicca qui]


      3. What are your strengths? / Quali sono i suoi punti di forza

      Per rispondere a questa domanda ricordati di non essere né troppo modesto, né arrogante. Durante un colloquio in inglese, il tuo obiettivo è quello di venderti al meglio come candidato, perciò parla delle tue migliori qualità senza vergogna.

      Menziona soprattutto quelle che ti sono state riconosciute sul luogo di lavoro dai tuoi responsabili o colleghi e che ti hanno aiutato a raggiungere obiettivi importanti: “My boss used to tell me that I was a driving force in the team…

      Da sapere: Il modo in cui il selezionatore valuta le tue risposte, è più semplice e prevedibile di quanto tu creda. Partecipa ora al mio webinar gratuito sui 3 falsi miti sul colloquio che stanno compromettendo i tuoi colloqui. [clicca qui]


      4. What are your weaknesses? / Quali sono i suoi punti di debolezza

      Fai attenziona a questa domanda, la confidenza creata con il selezionatore potrebbe portarti ad essere troppo sincero.

      Non vuoi che il recruiter evidenzi dei segnali negativi nella tua candidatura, perciò cerca di menzionare debolezze che, talvolta, si sono rivelate dei pregi sul lavoro. Come ad esempio l’essere molto esigente o il fatto di pretendere tanto da te e dagli altri: “Sometimes, I can be very demanding…”

      Da sapere: Sono pochi i candidati che capiscono che per ottenere risultati diversi nei colloqui, devono cambiare il modo in cui affrontano il selezionatore. Partecipa ora al mio webinar gratuito sui 3 falsi miti sul colloquio che stanno compromettendo i tuoi colloqui. [clicca qui]


      5. Why did you leave your last job? / Come mai ha lasciato il suo ultimo lavoro

      Durante il colloquio in inglese aspettati anche qualche domanda trabocchetto (tricky questions) come questa. Non cadere nella trappola del selezionatore parlando male del tuo precedente posto di lavoro, dei tuoi colleghi o capi.

      Cerca piuttosto di orientare la tua risposta in modo da far capire al recruiter che troverai nella nuova azienda ciò che non c’era nel tuo precedente lavoro. Usa espressioni come: “I am looking for an opportunity that allows me to grow and reach my career goals and I think this role is suitable for what I seek”.

      Da sapere: L’essere un buon candidato aumenta le tue probabilità di superare il colloquio? No. La verità è che il successo di un candidato non è determinato dalle sue esperienze, competenze o titoli. Partecipa ora al mio webinar gratuito sui 3 falsi miti sul colloquio che stanno compromettendo i tuoi colloqui. [clicca qui]


      6. Where do you see yourself in 5 years? / Dove si vede tra 5 anni

      Anche se questa può sembrarti una domanda innocente, a cui puoi rispondere con leggerezza, per il recruiter è davvero una domanda importante. Il selezionatore non vuole avere la sensazione che per te questo impiego sia un “temporary stopgap”, ovvero una soluzione provvisoria.

      Vuole, invece, essere certo che sei dedito al lavoro e pronto a impegnarti per raggiungere buoni risultati in azienda. Ad esempio, puoi dire: “In five years I hope to have gained experience in leading projects with big teams. Indeed, I am excited about the opportunity this position offers to expand my responsibilities”.

      Da sapere: Molti candidati considerano veri dei miti sul colloquio che in realtà sono falsi. Per questo, durante l’intervista dicono e fanno cose che li danneggiano. Partecipa ora al mio webinar gratuito sui 3 falsi miti sul colloquio che stanno compromettendo i tuoi colloqui. [clicca qui]


      Espressioni da utilizzare

      Ecco qui di seguito una serie di espressioni che puoi utilizzare per descrivere te stesso, le tue competenze, le tue abilità e i tuoi obiettivi durante il colloquio in inglese.

      Una buona espressione ad inizio frase ti aiuta a formulare in modo efficace la tua risposta. Il tuo obiettivo è quello di mostrare al selezionatore che conosci la giusta terminologia per far risaltare i tuoi asset migliori.

      1. Per descrivere te stesso

      I’ve attended the University of…
      I’ve worked for different companies, such as…
      My main interest is in the field of…

      Da sapere: Molti candidati considerano veri dei miti sul colloquio che in realtà sono falsi. Per questo, durante l’intervista dicono e fanno cose che li danneggiano. Partecipa ora al mio webinar gratuito sui 3 falsi miti sul colloquio che stanno compromettendo i tuoi colloqui. [clicca qui]


      2. Per descrivere le tue qualità

      I’m good at problem-solving…
      One of my best traits is my…
      I have great communication skills…
      I’m determined…
      I have a positive mindset…
      I’m a great team player…
      I’m very motivated…

      3. Per parlare dell’azienda e del tuo contributo

      This company has proven to be…
      I think I will fit perfectly in this company because…
      I believe I’m a great match for this position because…
      I am impressed by the work of this company…
      I am confident I will do a great job for this company…

      Da sapere: Risultare più attraenti agli occhi del selezionatore è qualcosa che si può imparare facilmente. Partecipa ora al mio webinar gratuito sui 3 falsi miti sul colloquio che stanno compromettendo i tuoi colloqui. [clicca qui]


      4. Per parlare dei tuoi obiettivi di carriera

      I’m looking for an opportunity to learn/grow/improve…
      I really want to make a contribution to the development…
      I want to expand my knowledge…
      I hope to gain experience in…
      I want to explore and develop important skills in…

      Ultimi consigli

      Concludiamo questo articolo sul colloquio in inglese con degli ultimi consigli importanti per distinguerti dagli altri candidati e fare colpo sul selezionatore.

      Da sapere: L’essere un buon candidato aumenta le tue probabilità di superare il colloquio? No. La verità è che il successo di un candidato non è determinato dalle sue esperienze, competenze o titoli. Partecipa ora al mio webinar gratuito sui 3 falsi miti sul colloquio che stanno compromettendo i tuoi colloqui. [clicca qui]


      1. Preparati a rispondere a: “Is there anything you would like to ask?”

      Alla fine del colloquio, sarà il selezionatore a chiederti se hai domande da porre o dubbi da sciogliere. Rispondere a questa domanda con un “no” potrebbe costarti la possibilità di essere assunto.

      Fare domande non ti aiuta solo a ricevere informazioni importanti sul tuo potenziale lavoro o l’azienda, ma ti permette anche di mostrare al selezionatore il tuo interesse ed entusiasmo per la posizione. Perciò, prepara qualche domanda interessante da fare al recruiter.

      Ecco alcuni esempi: “Do you have a training program?” “Who will I work with in this role?”

      Per sapere quali sono le migliori domande da fare al selezionatore leggi qui.

      Da sapere: Risultare più attraenti agli occhi del selezionatore è qualcosa che si può imparare facilmente. Partecipa ora al mio webinar gratuito sui 3 falsi miti sul colloquio che stanno compromettendo i tuoi colloqui. [clicca qui]


      2. Sii entusiasta

      In un colloquio in inglese, come qualsiasi altro colloquio di lavoro, il tuo entusiasmo nei confronti della posizione conta quanto la tua preparazione e le tue competenze.

      I datori di lavoro vogliono assumere candidati motivati a cui piace il lavoro che svolgono, dato che questo indica che probabilmente ricopriranno a lungo la posizione e faranno un buon lavoro.

      Da sapere: Il modo in cui il selezionatore valuta le tue risposte, è più semplice e prevedibile di quanto tu creda. Partecipa ora al mio webinar gratuito sui 3 falsi miti sul colloquio che stanno compromettendo i tuoi colloqui. [clicca qui]


        Articoli sul colloquio (migliori)

        Articoli sulle domande del colloquio

        Tutti gli altri articoli sul colloquio

        Informazioni sull'autore

        Lascia un commento

        Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

        Torna in alto