Secondo colloquio di lavoro: cosa aspettarsi e come rispondere alle domande

Scritto da Paolo Fieni

Complimenti! Hai ottenuto un secondo colloquio di lavoro! Questo è uno step molto importante.

Se il selezionatore ha voluto contattarti per un secondo colloquio, significa che l’azienda è veramente interessata a te. Sei in lizza per ottenere la posizione che desideri e in questo articolo troverai tutto ciò che devi sapere per sostenere un perfetto secondo colloquio di lavoro.

Molte aziende conducono due o più colloqui di lavoro per valutare i candidati. Le aziende che conducono colloqui multipli vogliono assicurarsi che il candidato che sceglieranno sia considerato attentamente in base a differenti aspetti.

    PS: questo articolo fa parte della Guida gratuita al colloquio [2023]

    Indice

      Ma prima, chi sono...

      Sono Paolo Fieni, e da oltre 10 anni insegno ai candidati più ambiziosi come si scrivono CV che ottengono più colloqui, come si affrontano con successo i colloqui di lavoro, e come si fa carriera in modo etico e professionale.

      Se vuoi affrontare con sicurezza granitica ogni tipo di colloquio e di selezionatore, e vuoi smettere di essere penalizzato nonostante ti senta un buon candidato, ti consiglio di guardare subito il mio webinar gratuito in cui rivelo il metodo – che insegno da anni ai candidati più ambiziosi – per rispondere con successo a tutte le domande del colloquio e conquistare il selezionatore.

      Ho un approccio controverso alle HR, perché sono allergico a tutto ciò che non è concreto, pratico, utilizzabile. Quello che insegno non si basa su teorie, mode, argomenti di tendenza, ma sui risultati osservati.

      Sono abituato a lavorare con chi è determinato ad ottenere "di più" e non si piange addosso nei momenti bassi. Se non sei affamato e non pensi di valere, non contattarmi.

      Da sapere: Essere il miglior candidato non significa essere il candidato che supererà la selezione. Partecipa ora al mio webinar gratuito sui 3 falsi miti sul colloquio che stanno compromettendo i tuoi colloqui. [clicca qui]


      Consigli per la preparazione

      Come per il primo colloquio di lavoro, anche per il secondo è fondamentale prepararsi al meglio: sapere cosa aspettarsi e arrivare pronto per affrontare la situazione.

      Il secondo colloquio di lavoro, serve infatti per avere qualche informazione più specifica sul candidato, riguardo alle tue qualifiche e alla tue abilità di performare nell’azienda.

      Ecco cosa dovrai fare prima di sostenere il secondo colloquio di lavoro.

      1. Informati sul “programma” del colloquio

      A volte, il secondo colloquio di lavoro può essere più lungo del primo. Potresti incontrare diverse persone: il management dell’azienda, membri dello staff, e altri dipendenti. Per questo, è importante chiedere alla persona con cui hai fissato il colloquio quale sarà il programma per il colloquio: in questo modo saprai esattamente cosa aspettarti.

      Da sapere: Molti candidati considerano veri dei miti sul colloquio che in realtà sono falsi. Per questo, durante l’intervista dicono e fanno cose che li danneggiano. Partecipa ora al mio webinar gratuito sui 3 falsi miti sul colloquio che stanno compromettendo i tuoi colloqui. [clicca qui]


      2. Rimani aggiornato sull’azienda

      Anche se per il primo colloquio di lavoro avevi raccolto il maggior numero di informazioni possibili sull’azienda, continua a tenerti aggiornato su ciò che riguarda la compagnia. Leggi le news, segui i profili social, leggi il blog dell’azienda e segui su LinkedIn le persone che lavorano in quell’azienda, resta informato anche sugli sviluppi del settore. In questo modo, durante il colloquio, potrai continuare a dimostrare il tuo forte interesse per l’azienda e il tuo entusiasmo per la possibilità di entrare in quell’ambiente.

      3. Ripassa le domande e le risposte del primo colloquio

      Non è impossibile che durante il secondo colloquio di lavoro ti vengano fatte le stesse domande che il selezionatore ti ha posto nel primo. Per questo, ripassa le risposte che hai dato al selezionatore in modo da ricordarle ed essere in linea con le cose che hai detto la prima volta. Di seguito troverai altre domande che potrebbero chiederti durante il secondo colloquio, come per il primo prepara le tue risposte.

      4. Pensa a tutte le informazioni che non hai menzionato nel primo colloquio

      C’è qualcosa di importante che hai dimenticato di dire durante il primo colloquio di lavoro? Avresti voluto argomentare meglio una tua risposta? Se la risposta è si, allora il tuo secondo colloquio è l’opportunità perfetta per ampliare le tue risposte e dire tutto ciò che ti è sfuggito la prima volta.

      Da sapere: Il modo in cui il selezionatore valuta le tue risposte, è più semplice e prevedibile di quanto tu creda. Partecipa ora al mio webinar gratuito sui 3 falsi miti sul colloquio che stanno compromettendo i tuoi colloqui. [clicca qui]


      5. Vestiti in modo professionale

      Anche se i dipendenti sul luogo di lavoro vestono casual, non sottovalutare l’importanza di presentarti con un look elegante e curato per fare bella figura con le persone che incontrerai. Il tuo look comunica la tua professionalità e quanto sei interessato a ottenere quel posto di lavoro.

      6. Prepara le domande da fare al colloquio

      Ottenere un secondo colloquio significa che le tue chance di essere assunto sono alte, è appropriato quindi che tu faccia qualche domanda specifica sul ruolo e sull’azienda. Molto probabilmente avrai di fronte a te le persone che lavorano nella compagnia e che meglio possono parlarti della cultura aziendale, delle tue responsabilità e sciogliere ogni tuo dubbio, quindi approfitta per fare domande ragionevoli e specifiche.

      Da sapere: Sono pochi i candidati che capiscono che per ottenere risultati diversi nei colloqui, devono cambiare il modo in cui affrontano il selezionatore. Partecipa ora al mio webinar gratuito sui 3 falsi miti sul colloquio che stanno compromettendo i tuoi colloqui. [clicca qui]


      Come comportarsi durante il colloquio

      Tieni alto il tuo entusiasmo

      Il secondo colloquio di lavoro potrebbe essere più lungo del primo, qualunque sia la durata di questo, cerca di rimanere carico e positivo durante tutta l’intervista. Ogni persona che incontrerai ti valuterà sulla base delle tue qualifiche ma anche della tua motivazione e del tuo interesse per quel ruolo. Cerca quindi di mostrarti entusiasta e grato della possibilità offerta.

      Sii concreto quando parli delle tue qualifiche e skills

      Assicurati di parlare di esempi specifici di situazioni in cui hai utilizzato le tue abilità più importanti per affrontare sfide, concludere progetti e raggiungere i tuoi risultati. Le persone che ascolteranno la tua storia non ti crederanno sulla parola, dovrai raccontare episodi concreti avvenuti sul luogo di lavoro in cui hai dimostrato di avere determinate skills.

      Da sapere: Le false credenze sul colloquio che si annidano nella tua mente, condizionano (in peggio) il tuo comportamento durante il colloquio. Siccome hai convinzioni sbagliate, affronti il colloquio nel modo sbagliato. Partecipa ora al mio webinar gratuito sui 3 falsi miti sul colloquio che stanno compromettendo i tuoi colloqui. [clicca qui]


      Intrattieni conversazioni positive

      Potresti incontrare diverse persone che ti parleranno dell’azienda, ti mostreranno il loro lavoro, ti spiegheranno quali saranno i tuoi compiti e con loro sosterrai delle semplici conversazioni anche informali. Durante il colloquio è importante che tu sia un buon ascoltatore, coinvolto e attento.

      Aspettati un eventuale colloquio di gruppo

      Non è raro che il secondo colloquio consista in realtà in un colloquio di gruppo dove tu e altri candidati dovete svolgere delle attività collettive. I datori di lavoro sfruttano queste situazioni per valutare la tua capacità di lavorare in gruppo: le tue doti di leadership e team player, unite alle altre skills necessarie per svolgere un buon lavoro. Durante questi esercizi assicurati di ascoltare gli altri, di cercare il consenso, di chiedere pareri e opinioni collaborando con il tuo team.

      Dimostra che quello è il lavoro che vuoi veramente

      Mostra alle persone che incontrerai, attraverso le tue parole, il tuo entusiasmo e il fatto di conoscere bene il lavoro dell’azienda, che quel posto è quello che vuoi veramente e che sarai un buon match per la compagnia. Senza sembrare disperato, fai vedere tutta la tua voglia di essere parte di quel contesto.

      Da sapere: Il selezionatore è un “compratore”. Se tu vali, ma lui non coglie il tuo valore, come puoi pensare che ti “comprerà”? Partecipa ora al mio webinar gratuito sui 3 falsi miti sul colloquio che stanno compromettendo i tuoi colloqui. [clicca qui]


      Domande di un secondo colloquio di lavoro

      Durante un secondo colloquio di lavoro è probabile che ti vengano fatte domande più specifiche, oltre a quelle a cui già avevi risposto nel primo. Le domande specifiche riguardano il ruolo, l’azienda, e come le tue qualifiche, skills e capacità fanno di te il match giusto per ciò che l’azienda sta cercando nel candidato da assumere.

      Ecco di seguito la lista delle domande più frequenti:

      • Che nuove sfide stai cercando nel tuo prossimo lavoro?
      • Perché vuoi questo lavoro?
      • Che cosa potresti fare per l’azienda se decidessimo di assumerti?
      • Perché pensi di essere la persona che fa al caso nostro?
      • Che esperienze simili hai fatto in precedenza?
      • Come mai sei interessato a quest’azienda?
      • Che cosa sai dell’azienda?
      • Che cosa ti aspetti riguardo alla retribuzione?

      Inoltre, le persone che incontri al secondo colloquio potrebbero farti qualche domanda sui tuoi obiettivi di carriera, le tue aspirazioni, o su come vorresti che il tuo ruolo si sviluppasse all’interno dell’azienda.

      Da sapere: L’essere un buon candidato aumenta le tue probabilità di superare il colloquio? No. La verità è che il successo di un candidato non è determinato dalle sue esperienze, competenze o titoli. Partecipa ora al mio webinar gratuito sui 3 falsi miti sul colloquio che stanno compromettendo i tuoi colloqui. [clicca qui]


      Come rispondere alle domande

      Dai risposte dettagliate ed esaustive

      Per quanto riguarda le domande che interessano il ruolo e l’azienda, le tue risposte dovranno essere dettagliate ed esaustive.

      Ad esempio, se ti sei candidato per una posizione nel settore delle vendite, molto probabilmente ti verranno fatte domande che riguardano i tuoi risultati di vendita. In questo caso, sii preciso spiegando in che modo puoi aiutare l’azienda a far crescere il numero delle vendite e le quote di mercato.

      Per questo tipo di domande, dovrai costruire la tua risposta intorno ai prodotti e i servizi dell’azienda e facendo capire che sei in grado di contribuire agli obiettivi della compagnia.

      Da sapere: Sono pochi i candidati che capiscono che per ottenere risultati diversi nei colloqui, devono cambiare il modo in cui affrontano il selezionatore. Partecipa ora al mio webinar gratuito sui 3 falsi miti sul colloquio che stanno compromettendo i tuoi colloqui. [clicca qui]


      Raccogli informazioni

      Il modo migliore per prepararti a rispondere alle domande del secondo colloquio è quello di raccogliere più informazioni possibili sul ruolo che avrai e l’azienda: più cose sai sulle tue responsabilità future, sulla cultura aziendale della compagnia e sul settore in cui lavora più sarà facile adattare le tue risposte ai bisogni dell’azienda.

      Inoltre, cerca esempi di domande che solitamente il selezionatore fa ai candidati per il tuo specifico ruolo, così potrai prepararti efficacemente.

      Ripassa le informazioni che hai raccolto e le cose che hai imparato durante il primo colloquio. Pensa a tutto ciò di cui tu hai parlato, perché il selezionatore potrebbe utilizzare le cose che hai menzionato come punto di partenza per farti altre domande.

      Pensa anche a ciò che lui/lei ti ha detto riguardo all’azienda e a cosa cercano nella persona che assumeranno. Tutte queste informazioni potrebbero essere poi approfondite nel secondo colloquio.

      Non aver paura di mostrare ciò che sai. Hai fatto ricerche sull’azienda e ti sei tenuto informato sulle news attuali, quindi, durante il colloquio non avere paura di dire che sai che la compagnia ha specifici obiettivi e che non vedi l’ora di prendere parte all’organizzazione per aiutarli a raggiungerli. Sii sempre specifico ed esaustivo nelle tue risposte.

      Da sapere: Molti candidati considerano veri dei miti sul colloquio che in realtà sono falsi. Per questo, durante l’intervista dicono e fanno cose che li danneggiano. Partecipa ora al mio webinar gratuito sui 3 falsi miti sul colloquio che stanno compromettendo i tuoi colloqui. [clicca qui]


      Mostra le tue competenze

      Se hai svolto dei progetti o hai del materiale su cui hai lavorato, è importante portarli con te per questo secondo round di interviste. Anche se li avevi già mostrati al selezionatore. Durante il secondo colloquio di lavoro, non è raro che siano presenti altri dipendenti che potrebbero lavorare con te o che faranno parte del tuo team: fatti conoscere al meglio.

      Non dimenticare che dovrai presentarti e venderti bene ad ogni persona che conoscerai. Ad ognuno di loro potrebbe essere chiesto che impressione gli hai fatto o cosa pensano di te, quindi non pensare di dover fare colpo solo sul management o il tuo responsabile. Ogni persona potrebbe dare la sua opinione e condizionare la tua assunzione.

      Da sapere: Il selezionatore è un “compratore”. Se tu vali, ma lui non coglie il tuo valore, come puoi pensare che ti “comprerà”? Partecipa ora al mio webinar gratuito sui 3 falsi miti sul colloquio che stanno compromettendo i tuoi colloqui. [clicca qui]


      Dai risposte coerenti

      Dai risposte coerenti e non contraddirti. Ricorda che i tuoi interlocutori si scambieranno feedback sulle tue risposte, quindi, è importante che ciò che dici a una persona sia coerente con quello che dici alle altre tre. Non entrare in contraddizione raccontando diverse versioni, altrimenti non sapranno a cosa credere. Ripassa le informazioni che hai scritto nel curriculum e  quelle che hai condiviso con il selezionatore durante il primo colloquio, in modo da assicurarti che coincidano con ciò che dirai in questo secondo incontro.

      Se ti vengono fatte le stesse domande, quando rispondi puoi accennare al fatto che avevi parlato proprio di quella informazione al tuo primo colloquio. In questo modo, dimostrerai di essere attento, di avere una buona memoria e un alto interesse per quella posizione.

      Sii esaustivo e diretto nelle tue risposte, non dare per scontato che siccome hai già affrontato certe domande durante il primo colloquio puoi permetterti di rispondere in modo più approssimativo e rapido. Inoltre, non dare per scontato che, siccome hai ottenuto un secondo colloquio, oramai il posto è praticamente tuo. Preparati per ogni singola intervista in maniera meticolosa e dai il meglio di te per fare una buona impressione.

      Da sapere: Le domande che il selezionatore ti fa non sono le vere domande a cui lui vuole dare risposta. Partecipa ora al mio webinar gratuito sui 3 falsi miti sul colloquio che stanno compromettendo i tuoi colloqui. [clicca qui]


      Cosa fare dopo il colloquio

      Dopo aver concluso il colloquio e aver sciolto la tensione, assicurati di fare le giuste considerazioni riguardo alla posizione offerta. È davvero quella giusta per te? Ti è rimasto qualche dubbio da sciogliere? È molto importante riflettere attentamente in questa fase della selezione, perché un terzo colloquio, o l’offerta di lavoro, potrebbe essere alle porte.

      In alcuni casi, potresti già ricevere la proposta di assunzione durante il secondo colloquio. Tieni a mente che non devi dare una risposta in quell’esatto momento. Infatti, a meno che tu non sia sicuro al 110% di volere quel posto, è meglio non confermare subito. Anche se tutto può sembrarti perfetto mentre sei al colloquio, più tardi, potresti renderti conto che ci sono aspetti del lavoro poco convincenti.

      Al momento della proposta, chiedi di avere un pò di tempo per pensarci e chiedi entro quando dovrai dare una risposta.

      Infine, invia una lettera di ringraziamento alle persone che hanno condotto l’incontro. Come per ogni colloquio che sosterrai, è bene inviare una mail di ringraziamento alle persone che hai incontrato e con cui hai discusso la posizione. Una buona occasione per reiterare il tuo interesse e ringraziare per l’opportunità di conoscere meglio l’azienda.

      Da sapere: Chi ha accesso a informazioni vere su come si affronta il colloquio, acquisisce un vantaggio “ingiusto" rispetto a tutti gli altri candidati. Partecipa ora al mio webinar gratuito sui 3 falsi miti sul colloquio che stanno compromettendo i tuoi colloqui. [clicca qui]


        Articoli sul colloquio (migliori)

        Articoli sulle domande del colloquio

        Tutti gli altri articoli sul colloquio

        Lascia un commento

        Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

        Informativa sulla Privacy
        Cvplus.it utilizza cookie necessari (tecnici) per l'uso del sito e dei servizi annessi, e facoltativi (analitici) per finalità di profilazione. Per installare i cookie tecnici, non è necessario il tuo consenso. Con il tuo consenso, invece, potremo personalizzare la tua esperienza di navigazione, misurarne la performance, e migliorare prodotti e servizi. Puoi conferire, rifiutare o selezionare quali cookie di profilazione attivare tramite il pulsante "Gestisci opzioni". Inoltre, puoi modificare il consenso in qualsiasi momento, facendo click sul link "Gestisci il consenso" che si trova nella pagina Cookie Policy.
        Torna in alto